COM. STAMPA 20 / 03.06.2014 / “Città di Airola’’, ecco chi sono gli artisti stranieri

Non capita spesso, in questo spicchio di Italia meridionale, incastonato tra i monti e le colline del Sannio beneventano, confondersi in una pluralità di accenti e tradizioni, lingue e culture. E’ capitato tuttavia nei sette giorni, dal 25 maggio al 1 giugno, in cui si è tenuto, presso il Teatro Comunale di Airola (BN), il sesto Concorso Internazionale di Esecuzione Musicale “Città di Airola”, fondato e diretto dal M° Anna Izzo e organizzato dall’Associazione Culturale Musicale “Mille e una nota”, in collaborazione con Pro Loco di Airola, Inner Wheel Valle Caudina, Fondazione Angelo Affinita e con il patrocinio del Comune di Airola. Sono arrivati, per l’occasione, in un piccolo borgo come Airola, oltre 5mila spettatori e circa 700 giovani e giovanissimi musicisti da tutta Italia, oltre a 40 pianisti dall’estero: per la precisione da Giappone, Bulgaria, Corea del Sud, Spagna, Russia, Turchia, Stati Uniti, Norvegia, Azerbaijan, Ucraina e Cina. Oggi raccontiamo le storie di alcuni di loro. Ha condiviso con il connazionale Maxim Kulagin il primo posto del Premio di Interpretazione Pianistica “Francesco Moscato”, con relativa borsa di studio, Galina Zhukova da San Pietroburgo. Classe 1983, Galina si è diplomata nel 2005 presso il locale Conservatorio con Oleg Malov e Stanislav Igolinsky, perfezionandosi con Andrey Ivanovich. A 10 anni, Galina conquista diploma e premio speciale al 2° Festival Internazionale di Musica “Virtuoso of the Year”. Nello stesso anno vince la competizione pianistica della Fondazione Internazionale Haydn di San Pietroburgo. Nel ’99 e nel 2005 viene premiata all’International “Maria Yiudina” Competitions. Nel ‘94 inizia un tour di concerti negli Stati Uniti, tenendo una serie di esibizioni a Princeton, replicate nel ‘98 con il Concerto n° 23 di Mozart. Inizia in questi anni la lunga serie di collaborazioni con orchestre sinfoniche (Mariinsky Theatre, Princeton Chamber Symphony, Carpe Diem Chamber, Orchestra Sinfonica Accademica Statale di San Pietroburgo) e di recital da solista tenuti nell’ambito di festival musicali internazionali in Russia, Polonia, Austria, Ungheria, Francia. Nel 2010 debutta con un recital pianistico alla prestigiosa Malyi Philarmonic Hall di San Pietroburgo. Sin dal 2007 ha iniziato a insegnare pianoforte al Ruza International Piano Festival: quest’attività la porterà sino a diventare assistente del professor Valery Gergiev all’Università Statale di San Pietroburgo, presso la quale matura anche un dottorato di ricerca. Nel 2012 entra nella masterclass del M° Aquiles Delle Vigne all’International Music Academy di Coimbra (Portogallo).Altrettanto prestigiosa è la biografia artistica della pur giovanissima Lili Bogdanova, insignita del primo premio e della borsa di studio della categoria F, sezione Solisti. Appena ventenne (classe 1994), Lili si è diplomata nel 2003 in Pianoforte alla Scuola Nazionale di Musica di Sofia, Bulgaria, con il M° Emilia Kaneva ed attualmente studia con il M° Borislava Taneva all’Accademia Musicale Nazionale “P. Vladigerov” di Sofia. Ha vinto numerosi premi in giro per il mondo ed è stata solista in diverse orchestre come la New Symphony, la Classic Fm e la Symphonietta Vidin in Bulgaria, la Columbia County Chamber Orchestra and CCYOM in Georgia e la Symphonietta “Athens” in Grecia. Ha tenuto concerti in Bulgaria, Svizzera, Grecia, Stati Uniti, Inghilterra, Lussemburgo e si è esibita, con un trio pianistico, a New York e Washington. Nell’ottobre 2013 ha eseguito un programma dedicato a Beethoven con la Mozart Virtuoso Orchestra nel prestigioso Metropolitan Theatre di Tokyo. La Bogdanova, infine, ha preso parte a diverse masterclass con alcuni tra i più importanti artisti del pianismo mondiale. Non è da meno l’altro pianista insignito della borsa di studio della categoria F, sezione Solisti: lo spagnolo Ruben Talòn. Dopo un periodo di iniziale formazione nel Conservatorio della città natale, Valencia, diventa il primo pianista spagnolo a studiare nella prestigiosa Accademia Pianistica “Incontri” di Parigi, con il M° Leonid Margarius. Ha studiato con maestri di rilievo assoluto come Alicia de Larrocha, Jacques Rouvier, Sergio Perticaroli, Daniel Pollack, e Rudolf Buchbinder. Il suo repertorio spazia dal campo concertistico a quello cameristico, strumentale e vocale. Ha calcato i palcoscenici di Spagna, Italia, Germania e Regno Unito, riportando riconoscimenti e premi a vari Festival come “Pianale”, “Pirineos Clásica”, “Humanitaria”, “Músicos del mundo”. Sono solo tre storie selezionate tra quelle di un manipolo di raffinati musicisti, che ha arricchito di suoni ed emozioni un piccolo centro del Sud Italia ed include pure, per esempio, il piccolo norvegese Nikita Khnykin, la flautista moscovita Kseniia Kompan-Boguslavskaia, le eccellenti pianiste russe Anastasia Privdorova (borsa di studio speciale “Cosimo Minicozzi”) e Yulia Kazantseva (secondo posto al premio Moscato) o il pianista turco Tugrul Adiloglu (terzo al “Moscato). D’altronde bastava leggere le note della biografia artistica di Yuri Bogdanov per rendersi conto della professionalità e competenza delle giurie del Concorso Internazionale caudino. Nato nel 1972, Yuri Bogdanov inizia a suonare a quattro anni, accedendo molto presto al Conservatorio di Stato di Mosca. Nel ’95 completa gli studi al Conservatorio e alla Scuola Musicale Centrale moscovita. Il pianista russo inizia a fare incetta di premi nei più rilevanti festival pianistici internazionali: nel suo palmares figurano l’International Johann Sebastian Bach Competition, l’International Schubert Competition di Dortmund, il Felix Mendelssohn Competition di Amburgo, la Schubert Competition di Vienna, l’Esther Honens Competition a Calgary e l’International Seiler Piano Competition a Kitzingen, lo Spring Festival a e l’International Pianist Competition a Sidney. Ha suonato in concerti solisti in oltre sessanta città sovietiche e in Austria, Australia, Germania, Spagna, Canada, Olanda, Norvegia, Corea del Nord, USA, Francia, Svizzera e Giappone. Dal ‘97, Yuri Bogdanov è solista della Filarmonica Accademica Statale di Mosca. Altre orchestre con cui si è esibito sono la Cinematography, la Filarmonica di Mosca, la Deutsche Kammerakademie, la Calgary Philharmonic, l’Orchestra Sinfonica Statale diretta dal famosissimo V. Ponkin. Ha lavorato con i più celebri direttori d’orchestra del mondo: nomi del calibro di P. Sorokin, V. Dudarova, E. Serov, I. Goritsky, M. Bernardi, A. Gulyanitsky. Il M° Bogdanov ha inciso otto album, uno dei quali dedicato al repertorio di Schubert. Il musicista russo insegna alla Accademia Musicale Russa “Gnesyns”, all’Istituto Musicale Statale “M. M. Ippolitov – Ivanov” e al Conservatorio di Stato “Magnitogorks”. Ha tenuto masterclass, in Russia, Spagna, Norvegia, Germania e Grecia. Il suo infinito repertorio include brani di pianoforte solista, formazioni da camera e concerti per pianoforte e orchestra da Bach, Scarlatti, Handel, Tartini, Haydn, Mozart, Beethoven, Schubert, Mendelssohn, Chopin, Schumann, Liszt, Brahms, Paganini, Debussy, Ravel, Chaikovsky, Rachmaninoff, Prokofiev, Shostakovitch. E’ stato più volte premiato dal Ministero della Cultura della Federazione Russa per la sua attività concertistica, didattica e di beneficenza, essendo tra i fondatori e vice presidente del Y. Rosum International Charity Fund. Nel marzo del 2006, gli è stata assegnata la massima onoreficenza artistica russa, ovvero il titolo di “Onorato Artista della Patria”. In virtù di tale biografia artistica, Bogdanov è considerato tra i massimi pianisti e docenti di pianoforte in tutto il mondo, che grazie ad Anna Izzo Airola ha potuto ospitare come commissario del suo Concorso Internazionale.

Annunci

Commenti disabilitati su COM. STAMPA 20 / 03.06.2014 / “Città di Airola’’, ecco chi sono gli artisti stranieri

Archiviato in Senza categoria

I commenti sono chiusi.